Quali vantaggi hanno le spose che scelgono di sposarsi in primavera? Uno su tutti: questa è la stagione in cui i fiori sbocciano e la natura torna a riprendersi la scena che le aveva rubato il freddo dei mesi invernali.

Finalmente torna a splendere il sole, sentiamo intorno a noi il risveglio della natura e lo sguardo può posarsi sui boccioli: ci sono fiori dappertutto! La primavera è tra noi e con essa sale il sipario sulla stagione dei matrimoni che si prospetta davvero ricca per questo 2022. Vi parlo da flower designer: gli effetti della pandemia hanno procurato diversi danni al nostro settore e naturalmente cancellazioni, spostamenti delle date e conseguenti cambi delle stesse. Cosa è cambiato? Che sono stati ‘rispolverati’ mesi che ormai non erano più molto gettonati, come quelli primaverili: marzo, aprile e maggio ed è proprio di loro che vi parlerò.

Sposarsi in primavera comporta tantissimi vantaggi: in primis, l’allestimento floreale. Se ne saranno accorte le appassionate di jogging al mattino o chi vive in campagna: tutto intorno parla di rinascita come i fiori di pesco, mandorlo e melo che sono a dir poco meravigliosi e poi che dire di ranuncoli, violaciocche, aster e bocche di leone?

Allestimento Claudia De Luca

Il clima è decisamente temperato, specialmente al sud, per cui non temiamo neppure per la tenuta dei fiori stessi. A parte l’abbondanza nella scelta e la durata prolungata, non minacciata dalle alte temperature, abbiamo un ulteriore vantaggio: possiamo creare allestimenti bucolici e iper-romantici e dare spazio al colore. Le sfumature dell’azzurro con il myosotis, del giallo con i narcisi ma anche semplicemente delle margheritine di Matricaria che rendono l’allestimento favolosamente country-chic!

E che ne dite poi della possibilità di potersi sposare all’aperto ma a pranzo? Si può organizzare un matrimonio di mattina, godendo a pieno della luce del sole senza doversi preoccupare delle alte temperature (quelle che a luglio fanno impazzire gli invitati), magari un bellissimo brunch o addirittura un pic-nic.

Ed infine anche il vantaggio per l’abito da sposa: possiamo scegliere dei modelli boho-chic con manica lunga o con spalle scoperte, abbinate ad acconciature romantiche (una treccia o un semi-raccolto) e adornarle con fiori freschi, senza doverci preoccupare del caldo.

Allestimento Claudia De Luca

Prendo in prestito le parole di Edwin Way Teale, naturalista, fotografo e scrittore americano, “A maggio tutto sembra possibile”: e in più l’atmosfera è super romantica, cosa aspettate ad organizzare un favoloso spring wedding?

 

Claudia De Luca

Citando Pino Daniele, “sono nata a Napoli, perciò, mi piace il mare”, nel 1984, sotto il segno del Leone. Sono cresciuta circondata da fiori e piante in una storica famiglia di florovivaisti e artisti del fiore, veri e propri pionieri dell’importanza del verde.
La bellezza è nel mio dna: non ho potuto resistere al richiamo (e al profumo) dei fiori e così, dopo gli studi di giurisprudenza, sono fuggita al nord per imparare i segreti del mestiere. Volevo diventare una valida flower designer, sapere come districarmi con saggezza e abilità in palette e allestimenti e perfezionare un metodo che mi è stato tramandato con passione e saggezza.
Sono una ‘stacanovista’ con il sorriso, amo il mio lavoro ma so anche concedermi dei break: dedico, infatti, il mio tempo libero ai viaggi. Chi mi conosce sa che adoro visitare fiere e esposizioni in giro per il mondo al fianco del mio meraviglioso compagno, con cui condivido la passione per il buon vino e per la buona cucina.

 

Tags: